La Sampdoria di Marco Giampaolo: analisi video della fase di possesso e della fase di non possesso in riferimento alla partita di Coppa Italia Sampdoria 0 – 2 Milan

Video di Federico Montagnolo
24/03/1993
allenatore Uefa B
federicomontagnolo@gmail.com

FASE DI POSSESSO:

  • In fase di costruzione la Sampdoria usa i due difensori centrali più il mediano per saltare la prima pressione avversaria
  • con palla in zona centrale il trequartista della Sampdoria si smarca alle spalle o ai fianchi del mediano avversario
  • con palla in zona centrale i due attaccanti della Sampdoria effettuano entrambi un fuorilinea
  • quando l’esterno del Milan non è stretto, la mezzala della Sampdoria si smarca alle spalle della mezzala avversaria per ricevere fra le linee
  • con palla al terzino la punta di parte della Sampdoria va incontro, il trequartista e l’altra punta attaccano la linea avversaria.

FASE DI NON POSSESSO c 4-3-3:

  • I due attaccanti della Sampdoria escono in pressione sui due difensori centrali. Quando la palla va dal terzino, la punta vicina alla palla oscura il difensore centrale di parte, l’altra entra dentro il campo
  • in fase di non possesso la Sampdoria esce con la mezzala sul terzino avversario, il trequartista oscura il mediano avverario, il mediano si alza sulla mezzala, il terzino si alza sull’esterno avversario, la mezzala opposta alla palla stringe dentro il campo e dà copertura
  • quando la mezzala del Milan si inserisce nello spazio e la Sampdoria è alta, il mediano fa da schermo davanti la difesa e la linea di difesa assorbe l’inserimento della mezzala
  • in area di rigore la Sampdoria marca a zona facendo una diagonale negativa, i centrocampisti entrano dentro l’area per intercettare la palla messa dietro. Se la mezzala di parte del Milan si inserisce il mediano della Sampdoria segue l’inserimento
  • quando la Sampdoria è bassa, la mezzala di parte va in raddoppio sull’esterno che punta il terzino
  • a palla scoperta la difesa della Sampdoria lavora di reparto, non segue i movimenti sul corto degli attaccanti, prediligendo la copertura della profondità.