A tutti i livelli, ormai, si sostiene che non è tanto il tipo di modulo adottato da una squadra a fare la differenza e a caratterizzare la squadra stessa, quanto, piuttosto, come essa, in base ai giocatori a disposizione e in base alle idee tattiche dell’allenatore, interpreta il modulo in questione.

Un esempio di questa affermazione sono le rotazioni del centrocampo del Napoli.

La squadra di Sarri in fase di possesso palla si schiera con il sistema di gioco 4-3-3. Nonostante ciò, lo sviluppo del gioco degli azzurri, presuppone il rovesciamento del vertice del triangolo. Per essere più chiari, durante la sottofase di costruzione del gioco, il Napoli porta sempre una mezzala tra le linee di difesa e centrocampo avversarie, mentre abbassa l’altra mezzala in linea con il metodista: da un centrocampo con il vertice basso ad un centrocampo con il vertice alto.

Il video, con estratti dei primi minuti della partita di Champions League Napoli – Benfica, mette in evidenza questo aspetto.

 

A cura di Renato Montagnolo
08/01/1990
Allenatore Uefa B
Allenatore in seconda U.C. Albinoleffe (Lega Pro)
renato.montagnolo90@gmail.com
3280099902