Siamo alla vigilia della gara di Coppa Italia contro il Piacenza, una squadra prima in classifica che sta macinando risultati su risultati. In sala stampa, ad attenderci, troviamo Renato Montagnolo per scambiare qualche considerazione sulla partita di domani pomeriggio al “Garilli”.

La squadra viene da un match duro su un campo tosto come quello di Gorgonzola, come arrivano i ragazzi alla sfida di domani contro il Piacenza?

Montagnolo: “Abbiamo ripreso gli allenamenti con la voglia di fare quello che per ora non abbiamo fatto, ossia, quello di iniziare un cammino che ci porti alla prima vittoria in campionato. La prestazione di domenica può considerarsi positiva sotto il punto di vista dell’atteggiamento ma non sufficiente e ne siamo tutti consapevoli. Non ci possiamo prendere alcun alibi, quindi c’è la grande volontà di ottenere il primo bottino pieno. La partita di domani in Coppa sarà l’ennesimo banco di prova, oltre a permetterci di fare valutazioni in vista del campionato”.

C’è qualche indisponibile per la trasferta di domani?

Montagnolo: “Sicuramente Giorgione è a forte rischio anche per domenica, ha subito un colpo molto duro alla spalla. La partita di domenica è stata dispendiosa ma tutto sommato la situazione della squadra è abbastanza positiva, non ci sono da segnalare acciacchi muscolare rilevanti”.

Ultima domanda più personale: come ci si sente, considerando la giovane età, ad essere il traino di una squadra e di uno staff? Penso sia una grande soddisfazione ma anche una grossa responsabilità…

Montagnolo: “Come ho già detto la responsabilità è stata condivisa da me, dal resto dello staff e dalla squadra, eravamo consapevoli di dover fare a meno del mister per questo breve periodo, quindi è venuto in maniera automatica il senso di responsabilità. Ho vissuto con la massima serenità questo esordio, ero fiducioso nel valore umano della squadra che si è messa a disposizione per tutta la settimana. Con il mister ho un rapporto costante da oltre due anni, abbiamo condiviso il percorso ogni giorno e conosco bene ciò che lui vuole dalla squadra. Siamo molto contenti perché a breve il mister potrà tornare a lavorare sul campo con la squadra e questo sarà una risorsa fondamentale per i ragazzi”.