Intenzione: giocare tra le linee

A cura di Francesco Bonacci

Arezzo 09/03/1994

Collaboratore e Match Analyst U.C. Sinalunghese (Serie D Girone E)

Studente universitario

Video analista tattico certificato SICS

Se ogni squadra ha l’intenzione di fare gol, questa non è, però, l’unica intenzione che una squadra deve avere: ad esempio, nello sviluppo della propria fase di possesso, si devono conoscere le intenzioni del proprio modello di gioco per sviluppare l’azione ed arrivare a fare gol.

In questo breve video, vediamo come il Manchester City ha, tra le varie intenzioni della propria fase di possesso, quella di:

  • Ricercare l’uomo libero tra la linea di difesa e di centrocampo avversarie, possibilmente nelle condizioni di ricevere e puntare la linea difensiva avversaria in conduzione.

Per di più, la squadra avversaria del Manchester City, cioè l’Huddersfield, ha organizzato la propria fase di non possesso adottando una struttura difensiva con baricentro medio-basso formata da un 4-5-1, con le linee di difesa e centrocampo strette tra loro e compatte, rendendo complicato per il Manchester City il gioco tra le linee. Quindi, la squadra di Guardiola come ha cercato di realizzare questa loro intenzione?

  • Principio del “muovere la palla per muovere l’avversario”. Sfruttare il possesso palla non fine a sé stesso, ma come mezzo per muovere la struttura difensiva avversaria, costringere gli avversari a fare delle scelte nell’interpretazione della fase di non possesso e disorganizzare la loro struttura.
  • Principio del “condurre per attrarre”. Quando si ha spazio, condurre palla per attrarre un avversario in pressione e così, come per il precedente principio, muovere la struttura difensiva avversaria, costringere gli avversari a fare delle scelte nell’interpretazione della fase di non possesso e disorganizzare la loro struttura.
  • Principio del “creare spazi liberi”. Lo spazio nel campo da calcio non si trova, va creato: ciò che determina l’occupazione degli spazi, e quindi anche dove vi siano spazi liberi, sono i giocatori di entrambe le squadre. Ad esempio, un mio giocatore che si muove e si smarca fuori può attrarre verso sé un giocatore avversario, così da liberare uno spazio dentro.
  • Principio della “ricerca degli spazi liberi”. Smarcarsi ed andare ad occupare gli spazi liberi o, per meglio dire, liberati.
  • Principio del “smarcarsi dietro le linee di pressione”. Smarcarsi alle spalle della linea di pressione per offrire una linea di passaggio in verticale.