Qual è il significato di forza, resistenza e velocità secondo Mourinho?

La risposta in questi estratti di “B. Oliveira, N. Ameiro, N. Resende, R. Barreto, Mourinho. Questione di metodo, Tropea editore, Milano 2009″

“Il miglior adattamento è quello che si ottiene partendo dalla gara che si dovrà giocare. Quando ci si prefigge l’obiettivo di giocare in un determinato modo, e ogni settimana si lavora su quel punto, orientando tutto il lavoro verso quello scopo, allora tutta la struttura fisiologica si adatta concretamente e in modo specifico. Il lavoro con attrezzi per lo sviluppo muscolare presenta degli interrogativi, come per esempio: fino a che punto lo sviluppo muscolare così ottenuto si identifica con le sinergie muscolari richieste dal nostro modello di gioco? Per quanto ci riguarda, l’adattamento concreto alle situazioni di gioco ci permette di gestire molto meglio la preparazione del giocatore, sempre tenendo presente la gara. La questione è: ciascuno sceglie la strada migliore verso il proprio obiettivo finale. Il nostro è che la squadra giochi come vogliamo, secondo il nostro modello di gioco” Rui Faria

“Qual è per me il significato di forza nel calcio? È avere la capacità di rubare palla, fermarsi, cambiare direzione, staccare per colpire di testa… Dobbiamo contestualizzarla in funzione di quelle che sono le azioni specifiche dei nostri giocatori durante la partita. Dobbiamo lavorare in accordo con le caratteristiche specifiche del nostro gioco. Se vogliamo che in una data unità di allenamento si ottenga un predominio di azioni tecnico-tattiche in un regime di ‘forza tecnica’, allora dobbiamo ricercare un insieme di situazioni di gioco in cui questo aspetto è presente. A quel punto non dobbiamo più preoccuparci di quantificare se il giocatore fa dieci o quindici cambi di direzione, quello che ci interessa è che la situazione in sé comporti la padronanza di tali capacità”  José Mourinho

“Con i miei giocatori non uso programmi individuali di potenziamento muscolare per mantenere o incrementare determinate qualità. Non credo che siano utili. Quello che facciamo è sempre in relazione con il nostro modello di gioco. La palestra e gli attrezzi per sviluppare la muscolatura sono elementi che riguardano il reparto medico, se li ritiene necessari per la riabilitazione degli infortuni”  José Mourinho

“Che cos’è che prepara il muscolo nel modo migliore? Le azioni che chiamiamo di forza tecnica, azioni tecnico-tattiche realizzate ad altizzima intensità e a velocità elevata. Per esempio, una fermata seguita da un contatto fisico e da un cambio di direzione con uno sprint è un’azione di forza molto più specifica rispetto ad una sessione di leg press da duecento chili: ecco perché lavorando così il muscolo è molto più preparato e adattato allo sforzo” José Mourinho

L’allenamento del giovedì si svolge in spazi ampi, con più movimento, avvicinandosi a quella che chiamerei resistenza specifica, anche se non ha niente a che vedere con il concetto tradizionale di resistenza. Io non faccio allenamenti di resistenza! Per me resistere significa adattarsi ad un concetto di gioco, essere capaci di realizzare le azioni collettive e individuali implicite nella nostra forma di gioco. L’unica cosa che facciamo è simulare quello che avviene durante una partita, in spazi ampi e simili a quelli reali. Quello che ci interessa è ricreare contesti tattici, situazioni di gioco, che permettono un adattamento specifico alla nostra forma di gioco” José Mourinho

più importante della velocità dei giocatori senza palla è la velocità con cui la squadra fa girare palla; fare sessanta metri in sette o otto secondi serve a poco, quello che conta è la velocità della palla in quel tratto” José Mourinho

“Non affrontiamo la velocità in senso tradizionale, cioè da un punto di vista strettamente fisiologico. La consideriamo come l’analisi e il trattamento dell’informazione e la sua esecuzione. Per quanto riguarda la velocità di esecuzione, a noi interessa la velocità contestualizzata, cioè quella definita dal nostro modello di gioco. Ecco la nostra preoccupazione principale. In allenamento andiamo alla ricerca di situazioni di gioco che comportano la padronanza di tale necessità fisiologica, ma la necessità è tale solo rispetto alla nostra organizzazione di gioco” José Mourinho