Paulo Dybala e il tuttocampista: di cosa si tratta? Partiamo dalle parole del tecnico juventino e dello stesso argentino.

“Ronaldo-Mandzukic? Quando si trova l’alchimia tra i giocatori tutto va per il meglio. Mercoledì tutti hanno fatto bene in attacco, soprattutto Dybala. E’ vero che segna meno ma fa da raccordo e ci permette di usire palla a terra grazie alla sua tecnica. L’ho sempre sostenuto, per me Paulo Dybala deve fare il `tuttocampista’, lui per noi è essenziale per come cuce il gioco. Avvia l’azione, è fondamentale nella costruzione del gioco e poi può chiuderla. Per caratteristiche di Ronaldo e Mandzukic, ci deve essere qualcuno tra loro e il centrocampo”

Max Allegri

“Io tuttocampista della Juventus? Allegri mi da libertà di muovermi e io cerco lo spazio giusto per far più male all’avversario. La cosa importante è di essere d’aiuto per i compagni. Dobbiamo sacrificarci tutti”

Paulo Dybala

 

Cosa deduciamo da queste parole? Paulo Dybala rappresenta un facilitatore di gioco per la Juventus di Max Allegri, un regista a tuttocampo che fa saltare gli schemi difensivi delle squadre avversarie.

I compiti assegnati dall’allenatore livornese a Dybala sono semplici: l’argentino deve cercarsi lo spazio per dare soluzioni di gioco ai compagni di squadra, cercarsi la zona in cui puo’ essere servito dai suoi compagni di squadra così da garantire un’uscita verticale alla costruzione del gioco per poi trasformarsi nel rifinitore della manovra d’attacco bianconera.