Analizziamo una situazione che accade molto frequentemente: attacco dell’area di rigore su situazione di cross o traversone contro una squadra difendente che marca ad uomo i propri avversari. Come poter sfruttare a proprio vantaggio il principio difensivo avversario della marcatura a uomo in area di rigore su cross o traversoni?

Una soluzione potrebbe essere quella di smarcarsi alle spalle del difendente che mi marca (smarcarsi sul lato cieco) per eludere la marcatura stessa, uscire dal campo visivo del difensore ed attaccare lo spazio libero. Perché questo attacco dell’area potrebbe essere una soluzione efficace?
1) Lavori sull’uomo? Lavoro sullo spazio. Essendo i difendenti in marcatura sull’uomo, non vi è una corretta copertura degli spazi e quindi vi è la possibilità di attaccare spazi liberi.
2) Approfitto di un “errore” comune in chi marca a uomo, cioè quello di guardare anche la palla. Marcando a uomo, il primo riferimento dev’essere l’avversario; se il difendente, come spesso accade, segue la palla e lo sviluppo dell’azione, potrebbe soffrire movimenti di smarcamento (come quello proposto) che approfittano dell’uscita dal campo visivo avversario e dell’allontanarsi da esso per evitare che il difendente “senta” l’attaccante.
 
A cura di Francesco Bonacci – Arezzo 09/03/1994 – Allenatore Uefa C e Match analyst – Aquila Montevarchi 1902 (Serie D) – francescobonacci94@gmail.com